Arena di Verona 2016: CARMEN

Carmen_210616_FotoEnnevi_0028.jpg

Foto Ennevi

È una Carmen tradizionalissima quella che è andata in scena ieri sera all’Arena di Verona, per l’inaugurazione della stagione estiva. In un periodo non felice per la Fondazione Arena, soffocata da problemi economici e da mille polemiche, il commissario ministeriale Carlo Fuortes è riuscito a garantire lo svolgersi del festival, grazie anche all’eccellenza e alla professionalità delle maestranze veronesi. La serata ha registrato grande successo e il tutto esaurito, che è previsto anche per la prima di Aida di questa sera. Lo spettacolo firmato da Franco Zeffirelli è di grande suggestione per la magnificenza delle scene e e l’imponenza delle masse teatrali. Tuttavia forse lo spettacolo andava un po’ svecchiato, poiché la patina del tempo vi ha lasciato qualche segno.

Dal punto dal punto di vista musicale le cose procedevano in maniera adeguata.

Carmen_210616_FotoEnnevi_0090.jpg

Foto Ennevi

Dispiace tuttavia registrare una certa monotonia della direzione del maestro cinese Xu Zhong. La lettura del maestro era evidentemente spinta verso una visione sinfonica ma molto poco teatrale. Carmen è teatro prima ancora che ricerca musicale. Per cui avremmo preferito una lettura più vivace e meno incolore. La Chanson Bohéme era troppo lenta e spenta. Carmen è anche leggerezza e ritmo sfrenato.

Ottima la prova del coro di voci bianche A.LI.VE diretto da Paolo Facincani e del corpo di ballo dell’Arena di Verona, coordinato da Gaetano Petrosino.  Buone le performance di Marcello Rosiello (Morales) e Gianluca Breda (Zuniga), come pure efficaci le prove del quartetto formato da Paolo Antognetti (Remendado), Gianfranco Montresor (Dancairo), Clarissa Leonardi (Mercedes) e Madina Karbeli (Frasquita).
13483228_10153887957383318_3837069396869573769_o

Foto di Georg List

Dalibor Jenis ha riproposto nell’anfiteatro il suo consolidato Escamillo dalla vocalità ragguardevole, capace adeguatamente di gestire un ruolo dalla tessitura anfibia, che richiede un grave ben tornito, ma anche un registro acuto saldo.

Jorge De León (Don José) è una delle poche voci di tenore drammatico sulla scena odierna. E’ dotato di bel timbro e di solido volume. In questa occasione ha sfoggiato anche accenti morbidi e raccolti, non sostenuti adeguatamente dal podio. Il suo momento più alto arriva nel IV atto, dove può dare sfogo alle sue carte migliori.
Ekaterina Bakanova è una grande cantante e una grande musicista che affronta senza colpo ferire il ruolo di Micaela, che pur non essendo molto lungo, ha una sua precisa importanza drammaturgica e una notevole difficoltà. Timbro cremoso e dolcezza d’emissione sono le caratteristiche del soprano russo, che ammanta di tenerezza l’aria del terzo atto.
13490657_10153887952518318_7120489099264148393_o

Foto di Georg List

Luciana D’Intino è una grande signora della scena e ritorna in Arena dopo 10 anni di assenza. La vocalità è ancora rigogliosa, piena: sfolgorante in acuto e timbratissima nel grave. La sua non è una Carmen che sottolinea l’aspetto frivolo del personaggio, ma favorisce il lato tragico, che fa di questa gitana un’erede dell’eroine della tragedia greca. La D’Intino dipinge una protagonista consapevole, fin dall’inizio, del proprio destino. Per certi versi ne offre un ritratto forse troppo matronale, ma la cantante è l’ultimo vero mezzosoprano di scuola italiana, erede di Simionato, Barbieri e Cossotto. E sfidiamo a trovare tante giovani cantanti che potrebbe interpretare una Carmen così.

Grande successo per tutti con la speranza che questo Festival possa rilanciare l’immagine di Verona come centro di assoluta eccellenza artistica.
Francesco Lodola
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...