Concerto VeronaLirica (6 marzo 2016)

12800203_10205393326502916_3801351425682974920_nPer il penultimo concerto l’associazione musicale VeronaLirica per il suo affezionato pubblico, che come sempre gremiva il Teatro Filarmonico, ha puntato su un quartetto di voci di livello e affermate sui palcoscenici internazionali. Non ci sono ulteriori parole per lodare la maestria e l’eleganza del pianismo di Patrizia Quarta che accompagna i cantanti, cantando e respirando con loro.

Mario Malagnini (tenore), giunto in sostituzione di un collega,  è un cantante dalla trentennale carriera e quindi di grande esperienza. 12801245_10205393324702871_2138388173934727452_nEsperienza che fa valere in pagine tratte da “La fanciulla del west” (Ch’ella mi creda libero) e  da “L’Africaine” di Meyerbeer (Oh paradiso).

Monica Zanettin è un giovane soprano dalle indubbie qualità e dal notevole talento. Sicuramente dovrà affinare ancora alcune cose, ma la sua prova è stata convincente, in particolare nel duetto de “Il Trovatore” con il baritono e nell’aria di Margherita da “Mefistofele” di Boito (L’altra notte in fondo al mare).

Questi era Claudio Sgura, uno dei pochi baritoni italiani giovani in circolazione. Sgura ci ha conquistati per uno scavo della parola eccellente e per la caratterizzazione sempre precisa dei caratteri interpretati.12794416_10205393568628969_665151155171255815_n Le pagine che più ci hanno entusiasmato sono state il “Credo” di Jago dal verdiano Otello, reso con elegante e subdola cattiveria e la nobile drammaticità di Francesco Foscari in “Questa è dunque l’iniqua mercede”.

Elena Gabouri, anche lei giunta all’ultimo minuto, ha ribadito di avere una voce grande, voluminosa, svettante in alto e scura e profonda nel grave. Il mezzosoprano ha avuto il merito di portare in dote una pagina raffinata come “D’amour l’ardente flamme” da “Le damnation de Faust” di Berlioz.
Poi è ritornata ad essere Azucena (“Condotta ell’era in ceppi”)  e Amneris (“Già i sacerdoti adunansi” con il tenore). Oltre alla sontuosità del mezzo vocale emergeva una grande forza interpretativa e una presenza scenica (anche in concerto) soggiogante.

Francesco Lodola

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...