Teatro Filarmonico di Verona: IL BARBIERE DI SIVIGLIA

Il 12 aprile 2015 è andata in scena in un Teatro Filarmonico quasi esaurito, la prima della nuova produzione del Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini. La prima cosa che dobbiamo evidenziare è la presenza di molti giovani e bambini che hanno apprezzato con entusiasmo lo spettacolo.
Spettacolo che nel complesso è stato (per ora), il migliore della stagione invernale.

Eccellente la regia di Pier Francesco Maestrini che crea attraverso la sua abilità un vero e proprio mondo alternativo, ricco di fantasia, stravaganza e grande divertimento. La compagnia di canto si rivela, infatti, di alto livello anche sotto il profilo teatrale.
La scenografia animata  e i costumi erano curati dallo stesso Maestrini coadiuvato da Joshua Held.
Lo spettacolo si apriva con un gustosissimo siparietto del direttore d’orchestra che accoglie dalle mani del maestro Rossini in versione cartoon la partitura della sinfonia. Tutti i personaggi sono Rossini (anche fisicamente), e rispecchiano in qualche modo un lato della sua personalità artistica. Rosina è la dolcezza, Figaro è la scaltrezza, il Conte è l’ardore amoroso della gioventù, Don Bartolo è il prototipo del reazionario, Don Basilio è il manipolatore e Berta è la voglia di libertà e di giovinezza.
L’dea del cartoon è fresca, spassosa e adatta anche per un pubblico di giovani che non vuole più vedere spettacoli polverosi. Geniale l’idea di omaggiare Luciano Pavarotti, quando il Conte nei panni di Don Alonso (maestro di musica), entra in casa di Bartolo vestito come il grande tenore. Pavarotti rappresenta la musica e in particolare l’italianità. Bello l’omaggio a Giuseppe Verdi e a Giacomo Puccini che proseguono il cammino dell’opera italiana avviato da Rossini. Divertentissima provocazione la presenza del cartoon di Giovanni Allevi che nel finale viene letteralmente schiacciato sulla poltrona dal cartoon di Luciano Pavarotti. Uno spettacolo veramente godibilissimo e che destava entusiasmo facendoci uscire da teatro con il sorriso.

Di assoluto rilievo anche la compagnia di canto. Nei panni di Fiorello/Un ufficiale troviamo il sicuro Salvatore Grigoli, mentre nei panni di Berta una spassosissima Irene Favro.

Don Basilio era Marco Vinco, cantante di ottima tecnica e in possesso anche di una notevole verve teatrale che gli ha permesso di creare un personaggio tetro e grigio, ma con un lato di irresistibile ironia. Per lui grandi applausi dopo l’attesa aria “La calunnia è un venticello”. Veramente bravo.

Omar Montanari era un perfetto Don Bartolo. Rossini non ha segreti per questo baritono, che conquista per la sua prova attoriale e per la sua caratterizzazione del vecchio dottore brontolone. Vocalmente non ha sbagliato un colpo, cogliendo tutte le sfaccettature del suo ruolo. Bravissimo.

Christian Senn vestiva i panni del factotum con voce imponente e precisa, superando eccellentemente tutti gli scogli della parte e muovendosi abilmente in uno spettacolo teatralmente non facile.

Non è azzardato affermare che Edgardo Rocha è ormai un elemento assolutamente indispensabile per il repertorio rossiniano. Tecnica rifinitissima, musicalità invidiabile e una sublime precisione nelle agilità. Inoltre il tenore crea un personaggio vivo, palpitante, che commuove per la delicatezza e che diverte.

Annalisa Stroppa è una raffinatissima interprete di ruoli del belcanto. Possiede voce di notevole volume e di bellissimo timbro brunito che però non incontra difficoltà nelle agilità, sgranate con perizia e bravura. Il mezzosoprano ha poi creato un personaggio che innamora per il brio e la freschezza. Una Rosina tutta pepe che sa conquistare la simpatia del pubblico fin da subito.

Stefano Montanari ridona all’opera rossiniana tutta la sua vivacità con una direzione di altissimo livello. Accompagna con maestria la compagnia di canto e crea un tappeto sonoro magico che trasmette tutta la frizzante esuberanza dell’opera del cigno di Pesaro.

Alla fine grandissimo successo con punte di reale entusiasmo.

Francesco Lodola (IeriOggiDomaniOpera)

17/03/2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...