Arena di Verona 2014: TURANDOT (CAST ALTERNATIVO)

Raccontare uno spettacolo è sempre difficile ma lo è ancora di più quando si trasforma in una serata magica il cui incanto non è possibile descrivere. E’ quello che è accaduto la sera del 2 Agosto 2014 all’Arena di Verona in occasione dell’ultima recita di Turandot nel fortunatissimo allestimento di Franco Zeffirelli. L’allestimento già recensito qui è un vero splendore. E’ un allestimento dominato da ombre lunari che vengono infrante quando nel II atto si apre la reggia che mostra tutto il suo splendore conquistando un applauso spontaneo del pubblico il cui sguardo viene irradiato dalla luce degli ori e dei colori vivaci. Anche qui come nella precedente Carmen si nota un’attenzione anche verso la recitazione dei solisti. Significativo il gesto di Liù che sfiora la mano della principessa di gelo prima di cantare “Tu che di gel sei cinta….”. Già in quel momento si deve percepire che Turandot sta scendendo sulla terra, commuovendosi per quella creatura il cui amore supera ogni ostacolo.

Musicalmente la serata è stata di livello eccellente.
Daniel Oren è il direttore areniano per antonomasia. Ha un rapporto con questo spazio e con questo pubblico di grande affinità e questo si sente. Non è un direttore di routine come più volte è stato accusato. La sua è una Turandot che
sprigiona energia e che regala momenti lirici palpitanti che
si alternano a momenti scattanti e pieni di luminosità. A questo si aggiunga la sua impareggiabile capacità di seguire i cantanti e di aiutarli e si capirà il perchè il pubblico si è scatenato in autentiche ovazione per il grande maestro israeliano. L’orchestra si è comportata al meglio ed era veramente motivata……quando c’è un maestro di tale levatura è più che ovvio.

L’imperatore Altoum era il sempre ottimo Antonello Ceron
mentre il mandarino era Gianfranco Montresor che offre
sempre prove eccellenti. Ping, Pong e Pang erano i formidabili Vincenzo Taormina, Paolo Antognetti e Saverio Fiore.

Rafael Siwek è stato un Timur dalla voce proiettata senza sforzo nel grande spazio areniano e dal timbro di grande bellezza. Ha colpito anche il pubblico con un’espressività sincera ripagata da calorosi applausi al termine.

Caso unico quello di Dario Di Vietri scritturato per il ruolo del principe di Persia (ricoperto in questa recita dal veterano dell’arena Carlo Bosi) e assurto al ruolo di Calaf dopo l’infortunio del previsto Carlo Ventre. Il giovane tenore ha dimostrato di avere nervi saldissimi ed è uscito dalla ardua prova a testa alta. Certo forse vocalmente non è ancora perfetto ma ha sfoggiato timbro di grande bellezza e soprattutto un grande squillo in acuto. L’aria più attesa (“Nessun dorma”) è stata cesellata benissimo e ha convinto
pienamente il pubblico che ha dedicato al tenore un lunghissimo applauso e numerose richieste di bis secondo me giustamente non concesso da Oren per non affaticare il giovane tenore.

Martina Serafin è una grande e prestigiosa protagonista. Dalla sua ha un temperamento e una presenza scenica veramente regale. Vocalmente si disimpegna eccellentemente in una parte che impaurisce tutti i soprani e che sicuramente è un traguardo. L’artista viennese mostra voce di bellezza bronzea che brilla nei perigliosi acuti e ci offre un fraseggio ben sfaccettato soprattutto nel III atto dopo che nel II era parsa un po’ intimidita….ma in una parte di questo spessore si può capire. Bravissima!

Si dice sempre che l’ultima vera eroina pucciniana sia Liù e a ben ragione. In questa occasione la dolce schiavetta era interpretata dalla italiana Carmen Giannattasio. Reduce dai trionfi londinesi nel ruolo di Elisabetta I in Maria Stuarda, il soprano di Avellino dimostra ancora una volta di essere una delle personalità più importanti del panorama lirico mondiale. Questo in virtù che la Giannattasio non è solo una cantante eccellente ma è una grande attrice che brilla di luce propria anche in un ruolo non oceanico come quello di Liù. Magistrale la sezione da “Tanto amore segreto….Tu che di gel sei cinta!” per gli accenti accorati, drammatici che hanno toccato il cuore di tutto il pubblico. GRANDE!

Successo trionfale per tutti con punte di autentico delirio per Oren, Giannattasio, Serafin e il giovanissimo Di Vietri.

Francesco Lodola (IeriOggiDomaniOpera)

04/08/2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...